Facebook: per rivedere il profilo di Lady Gaga, bisogna pagare

Pubblicato il da admin

Prima che i fan della celeberrima pop star americana corrano a buttarsi di sotto, specifichiamo: il profilo di Lady Gaga su Facebook è stato sospeso [il 1 dicembre] -momentaneamente- fino a quando i suoi milioni e milioni di estimatori non hanno donato la cifra di 1 milione di dollari alla lotta contro l’AIDS.

Insomma: per riavere Lady Gaga su Facebook ci voleva un plebiscito popolare, il tutto nella cornice della gara di solidarietà organizzata dall’associazione Keep a child alive.

Naturalmente, Lady Gaga non è l’unica VIP chiamata in causa per fare da testimonial alla lotta contro l’AIDS, ma i suoi fan sono assolutamente certi di poter raggiungere -da soli- la cifra richiesta.

Questo post è tradotto da E-Blogs in Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo


Continua a leggere  sul blog Ciaoblog



In teoria -infatti- la soglia milionaria riguarda i fan di tutti i VIP che prendono parte all’iniziativa -Justin Timberlake, Alicia Keys, Kim Kardashian, Serena Williams, Elijah Wood, Jennifer Hudson, David LaChapelle e molti altri- ma gli organizzatori sono certi che Lady Gaga -regina di Facebook con i suoi 24 milioni di fan- riuscirà da sola a raggiungere la somma richiesta.

I profili della star si sono spenti il 1 dicembre e -da quel momento- ha preso  il via la gara di solidarietà che riporterà in vita il profilo Lady Gaga su Facebook e quello di tutto gli altri partecipanti.

Gli utenti Facebook -fino ad oggi- hanno più volte manifestato adesione di massa ad iniziative benefiche, ma  Keep a child alive ha chiesto di tramutare l’impegno teorico e il sostegno verbale in un azione concreta che possa cambiare -realmente- le condizioni di vita dei milioni di bambini affetti da AIDS.

Invitiamo perciò tutti a sostenere la causa, e non tanto per riavere i VIP su Facebook, ma per “tenere in vita un bambino” in più su questo pianeta.

NdE: Il profilo è ora attivo, da quando il milione di dollari richiesto è stato racolto

Il video della campagna "Digital Death"

Commenta il post