Regno Unito: schedare gli innocenti

Pubblicato il da admin


Fino a un terzo di profili DNA aggiunti ogni anno di persone che risultano poi innocenti

Come potete aver visto nel Daily Telegraph, Big Brother Watch ha rilasciato la nostra prima relazione di ricerca nel database dei DNA, dal titolo: Schedare gli Innocenti. Il metodo di approccio diverso delle forze dell’ordine per i profili di innocenti sul database nazionale del DNA (potete leggere la relazione integrale sulla ricerca cliccando qui).

Il 4 dicembre 2008 la Corte Europea dei Diritti Umani ha decretato che tenere sul database del DNA della polizia britannica i profili del DNA dei due uomini di Sheffield - che erano stati precedentemente assolti da capi di imputazione penali - era una violazione dei loro diritti umani. In reazione alla decisione del tribunale, Jacqui Smith - allora Ministro degli Affari Interni - ha detto che "la legge esistente rimarrà in vigore mentre considereremo attentamente la sentenza."

Sebbene ci sia una stima di un milione di persone innocenti nel database nazionale del DNA, non si sa quanti profili di innocenti continuino ad essere aggiunti da ogni distretto di polizia e quanti di loro vengano rimossi spontaneamente.

Schedare gli Innocenti è un riassunto dei nostri sforzi per raccogliere dati su quanti profili di innocenti vengano aggiunti dalle forze di polizia in Gran Bretagna e sul perché l’attuale sistema in vigore renda praticamente impossibile l’adeguamento dell’Inghilterra e del Galles alla normativa della Corte Europea che richiede che vengano rimossi.

Le scoperte chiave sono:

* Tra il 4 dicembre 2008 ed il 1 gennaio 2010 il Cumbria Constabulary ha raccolto 4.668 profili DNA, di cui 1.319 (il 28%) erano di persone poi dimostratesi innocenti. Di questi profili innocenti ne è stato rimosso solo il 12 % (0,9%).

* Tra il 4 dicembre 2008 ed il gennaio 2010 la Polizia di Strathclyde ha raccolto 19.197 profili DNA, di cui 6.856 (il 36%) erano di persone poi dimostratesi innocenti. In seguito hanno rimosso tutti questi profili innocenti.

* Cumbria e Strathcylde sono state le uniche forze di polizia in Gran Bretagna ad aver accettato di rispondere alla nostra richiesta di Trasparenza dell’Informazione. Le restanti 49 forze in Inghilterra, Scozia e Galles hanno preteso che farlo avrebbe significato eccedere il tempo concesso per rispondere ad una richiesta in base alla legge sulla Trasparenza (FOI, Freedom Of Information: libertà di informazione).

*La Corte Europea ha decretato nel dicembre 2008 che è illegale archiviare a tempo indeterminato dei campioni di DNA dalle persone che sono state poi prosciolte. La risposta davvero esigua alla nostra richiesta di informazioni per la trasparenza e il basso tasso di eliminazione del Cumbria dimostra che il governo e la polizia sono incapaci di conformarsi alle norme della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e di eliminare profili innocenti spontaneamente.

Con tag Giustizia

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post