Il rischio povertà in Europa

Pubblicato il da Dora Di Nunno

Mi spiace, questo è uno di quegli articoli deprimenti che tutti vorrebbero tralasciare, ma occorre davvero segnalarlo. Nel 2007, di 24 paesi, il Regno Unito era al 9° posto tra i paesi dell'EU a più alto rischio di povertà tra i lavoratori, al 4° posto tra i pensionati e al 2° tra i disoccupati.

Le cifre provengono da una relazione molto utile su La povertà lavorativa nell'UE (In-work Poverty in the EU) da Eurostat (tavola 1). Il grafico in basso mostra la proporzione dei lavoratori a rischio di povertà in ogni stato membro dell'Unione Europea.

La percentuale del Regno Unito è pari all'8 % - più alta della maggior parte dei paesi dell'Europa Occidentale.



Di seguito, possiamo vedere un grafico simile relativo ai pensionati. Il 28% dei pensionati nel Regno Unito sono a rischio povertà – la proporzione è maggiore solo in Irlanda, Estonia e Lettonia.



Ora il grafico relativo ai disoccupati. Nel Regno Unito il 58% di essi sono a rischio povertà – la proporzione è maggiore solo in Estonia.



Suppongo che si possa dare un taglio positivo a queste cifre e dire che il nostro sistema a sostegno del lavoro (salario minimo, crediti d'imposta e benefici a sostegno del lavoro) abbia un impatto, ma la nostra posizione sul grafico del lavoro è francamente vergognosa. A volte in questo paese non ci si rende pienamente conto di quanto sia negativo il nostro sistema raffrontato con quello del resto dell'Europa Occidentale; non è il solo fattore a produrre questi risultati, ma è il più importante.

top of the world

Con tag Europa

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post