Sciabolare uno champagne è tutta un'arte!

Pubblicato il da Sara Gianfelici

(...) Il termine "sciabolare" [NdT : originale francese, « sabrer »] vide le origini già qualche secolo fa. Perché la sciabola contribuiva allo spelendore delle feste militari. Era tradizione aprire lo champagne per mezzo di una sciabola.

[caption id="attachment_14539" align="aligncenter" width="587" caption="Sciabola da champagne. Foto: Slartibartfass, Wikimedia Commons"][/caption]



Il tappo saltava e il prezioso liquido scorreva a fiumi. Questa tradizione sembra passata, eppure persiste in seno alle grandi maison di Champagne, di certe istituzioni militari o semplicemente durante delle manifestazioni enologiche nella Champagne.

Come si fa a sciabolare lo champagne?

Muselet. Foto: Champagne Dumangin

Sciabolare uno champagne è impressionante e spettacolare. Tuttavia, non ha nulla di davvero difficile.

Bisogna utilizzare quella che si chiama una sciabola "briquet" [NdT: alla lettera, in Francese, “accendino”], corta e tarchiata, utilizzata dall’infanteria.

La lama della sciabola deve andare lungo il filo di ferro della gabbietta o muselet, situato sotto il collo della bottiglia e deve puntare contro il bordo del collo.

Non dimenticate mai che il tappo salta con forza per l’effetto combinato della pressione dello champagne e del colpo della sciabola.

Ecco perché il gesto deve essere rapido, secco e deciso. E’ importante accompagnare il colpo fino in fondo.

Alcune precauzioni

Inutile sottolineare che la sciabola rimane un’arma pericolosa. Non mettetevi davanti alla traiettoria eventuale del tappo!

I bambini non sono abilitati a cimentarsi con la sciabolata... E, infine, consumate con moderazione.

Nota dell'editore: guardate il video di dimostrazione



Questo Post è stato ridotto da E-Blogs.
Per leggere il post integrale in Francese cliccate qui

Con tag Curiosità

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post