Come risconoscere sorrisi falsi e sinceri?

Pubblicato il da admin




Chi segue le serie TV del Dr House sa perfettamente come il celebre medico sia abilissimo nell'interpretare i movimenti corporei e capire quando il proprio interlocutore sta mentendo. Cosa che volge spesso a suo favore con sommo e cinico godimento.

E voi... sapreste riconoscere se una persona vi sta mentendo?

Ora potete verificare la vostra abilità attraverso "Spot the Fake Smile", un esperimento con cui potete provare a individuare le persone che stanno sorridendo realmente o mentendo.

E' stato ideato da Paul Ekman, professore in psicologia all'Università della California, che ha speso gran parte della sua carriera di ricerca nello studio delle espressioni facciali.

Nella foto, il sottoscritto ha provato e indovinato correttamente 18 sorrisi su 20! Ho scoperto una abilità utile se giocassi a poker! :-)

Ho cancellato i risultati perché possiate provare anche voi.


Sebbene i falsi sorrisi siano spesso molto simili ai sorrisi sinceri, in realtà sono leggermente diversi, perché generati da un altro genre di muscoli del volto, controllati a loro volta da una parte diversa del cervello.

I falsi sorrisi inolte vengono eseguiti dalla parte conscia dal nostro cervello attraverso la stimolazione controllata dei muscoli degli zigomi che contraggono le guance: questi sono i muscoli che tirano gli angoli della bocca verso l'esterno.Invece i sorrisi genuini vengono generati inconsciamente, per cui sono automatici. Quando le persone sentono piacere, i segnali passano attraverso la parte del cervello che elabora le emozioni. Oltre a rendere il movimento dei muscoli della bocca, i muscoli che sollevano le guance - rendono tonici il muscoli orbitali - facendo prendere negli occhi e nelle sopracciglia una piega caratteristica.

I ricercatori riescono a riconoscere quando un individuo mente con un sistema di codifica chiamato Facial Action Coding System (FACS), che è stato ideato dal professor Paul Ekman e dal dottor Wallace V. Friesen dell'Università del Kentucky.



Questo post è tradotto da E-Blogs in Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo

Continua a leggere il blog Gravità Zero

Con tag Scienza

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post